pag. 1 - pag. 2
Famiglia Strombidae, indice sistematico
a cura di Claudio Pirazzini
Questa famiglia e' molto interessante per i collezionisti poiche' contiene un numero vasto ma non eccessivo di specie, e' estremamente vario come forma delle conchiglie e i prezzi non sono eccessivi. La specie piu' famosa e' senz'altro lo Strombus gigas del mar dei caraibi che lo si usa come soprammobile oramai da secoli. Sono tutti molluschi che interessano prevalentemente acque calde e popolano quindi gran parte del pianeta.
Nel Mediterraneo sono presenti solo poche specie, come lo Strombus persicus (o Strombus decorus raybaudii) che pare sia stato introdotto artificialmente.
Il corpo del mollusco ha il piede incurvato con una corta parte anteriore e una posteriore piu' grande, dove rimane l'opercolo. Gli occhi sono molto sviluppati e vivamente colorati, posti in cima a lunghi e grossi penuncoli. Questi animali si nutrono di alghe e detriti e in caso di difficolta' ruotano il piede ed usano l'opercolo (a forma di falce e con l'estremita' molto tagliente) come arma di difesa. La radula e' Taenioglossa.

L'ordine sistematico e' tratto dal libro A Conchological Iconography, The Family Strombidae di G. T. Poppe e K. Groh.
In queste pagine potrete trovare anche una descrizione dei generi e dei sottogeneri, con delle illustrazioni per poter capire le differenze tra le specie simili. Per consultare un sottogenere basta fare un click sopra un'icona attiva.

Articoli
Genus Tibia
Subgenus Tibia
Subgenus Rostellariella
Subgenus Sulcogladius

Genus Rimella
Genus Lambis
Subgenus Lambis

Genus Strombus
Genus Euprotomus
Genus Tibia - Roding, 1798
Appartengono a questo genere molluschi provenienti esclusivamente dalla provincia Indo-Pacifica, e che vivono su fondali mobili, in acque profonde o molto profonde. La conchiglia e' di forma allungata e turricolata, con il labbro esterno ornato da piccoli denti, in tutte le specie e' presente un vistoso canale sifonale anteriore che nella specie piu' grande, che e' la Tibia fusus, e' lungo quasi il resto della conchiglia. Sono tutte Tibia sono conchiglie piu' o meno comuni ad eccezione della Tibia melanocheilus la quale e' molto rara.
Subgenus Tibia s. str.
Tibia fusus (Linnaeus, 1758)
Tibia melanocheilus Adams, 1854
Tibia insulaechorab Roding, 1798
Tibia insulaechorab f. luteostoma Angas, 1878
Tibia curta Sowerby, 1842
Subgenus Rostellariella Thiele, 1929
Tibia delicatula Nevill, 1881
Tibia delicatula f. nana Romgna-Manoja, 1977
Tibia martinii (Marrat, 1877)
Subgenus Sulcogladius Sacco, 1893
Tibia powisi (Petit, 1842)
Tibia powisi f. laurenti Duchamps, 1992
Genus Rimella - Roding, 1798
Questo genere contiene tre sole specie, tutte di dimensioni ridotte, ma con caratteristiche molto simili alle specie del genere Tibia. Le prime due sono specie comuni e conosciute mentre la Rimella tyleri e' una specie ancora misteriosa, di cui si ha una quantita' molto povera di informazioni, visto che ne sono stati trovati solo pochi esemplari.
Rimella cancellata (Lamarck, 1816)
Rimella crispata (Sowerby, 1842)
Rimella tyleri Adams, 1863
Genus Terebellum - Roding, 1798
Questo genere contiene una sola specie, che si puo' trovare in quattro diverse forme, e che interessa l'Oceano Indiano ed il Pacifico Occidentale. Tra le forme non e' elencato il Terebellum terebellum f. nebulosum, perche' e' un sinonimo del Terebellum terebellum.
Terebellum terebellum (Linnaeus, 1758)
Terebellum terebellum f. delicatum Kuroda & Kawamoto, 1961
Terebellum terebellum f. lineatum Roding, 1798
Terebellum terebellum f. punctulorum Linnaeus, 1758
Genus Lambis - Roding, 1798
Le Lambis sono considerate da alcuni veri e propri mostri, essendo tutte conchiglie dalla forma molto bizzarra grazie alla quale sono state raffrontate con ragni, scorpioni e millepiedi. Anche questo genere interessa solo l'Indo-Pacifico e vive in acque poco profonde, sulle formazioni madreporiche. Le dimensioni delle conchiglie sono sempre grandi o molto grandi, basti pensare che la Lambis truncata, che anche e' la conchiglia piu' grossa tra le Strombidae, puo' raggiungere e superare i 40 centimetri di lunghezza e rappresenta anche una grossa fonte di cibo, essendo il mullusco commestibile. Tra le specie piu' ricercate per la loro bellezza e rarita' troviamo la Lambis crocata pilsbry e la Lambis violacea, che nelle isole Mauritius e' tuttora specie protetta.
Subgenus Lambis s. str.
Lambis lambis (Linnaeus, 1758)
Lambis truncata truncata Lightfoot, 1786
Lambis truncata sebae (Kiener, 1843)
Lambis crocata crocata (Link, 1807)
Lambis crocata pilsbry Abbott, 1961
Subgenus Millepes Morch, 1852
Lambis digitata (Perry, 1811)
Lambis millipeda (Linnaeus, 1758)
Lambis violacea (Swainson, 1821)
Lambis robusta (Swainson, 1821)
Lambis scorpius scorpius (Linnaeus, 1758)
Lambis scorpius indomaris Abbott, 1961
Subgenus Harpago Morch, 1852
Lambis chiragra chiragra (Linnaeus, 1758)
Lambis chiragra arthritica Roding, 1798
Lambis chiragra rugosa (Sowerby, 1842)
Genus Strombus - Roding, 1798
E' il genere piu' numeroso della famiglia, ed e' diviso in dodici sottogeneri, composti da conchiglie di tutte le dimensioni, grosse come il sottogenere Tricornis, o piccole come il sottogenere Canarium. A differenza degli altri generi della famiglia, che interessano solo l'Indo-Pacifico, questo interessa anche altre aree, come la provincia caraibica (vedi il sottogenere omonimo) e le coste americane del Pacifico. Tra tutte le specie di questo genere, ricordiamo in particolar il rarissimo Strombus Hawaiiensis e lo Strombus kleckhamae. Di quest'ultimo non si hanno piu' ritrovamenti di molluschi vivi.
Altre specie ricercate sono lo Strombus taurus delle is. Marshall, lo Strombus oldi della Somalia ed il gigantesco Strombus goliath del Brasile, che puo' superare i 37 centimetri di dimensione ed e' la specie piu' grossa del genere.
Subgenus Strombus s. str.
Strombus pugilis pugilis Linnaeus, 1758
Strombus pugilis worki Petuch, 1993
Strombus alatus Gmelin, 1791
Strombus gracilior Sowerby, 1825
Subgenus Laevistrombus Kira, 1955
Strombus canarium Linnaeus, 1758
Strombus turturella (Roding, 1798)
Strombus guidoi Turck & Man in't Veld, 1998
continua a pag. 2
pag. 1 - pag. 2